opere pubbliche Sanremo


Sarà noioso guardare in televisione il Consiglio Comunale di Sanremo però aiuta a farsi un’idea di chi e come siamo amministrati. Non so se è effetto della ripresa televisiva ma non c’è Consigliere che non si senta in dovere di intervenire su qualsiasi argomento all’ordine del giorno, il più delle volte ripetendo quanto già esposto da quelli della sua coalizione che lo hanno preceduto. Si dirà, questa è la democrazia, ma che fatica seguire esclusivamente elucubrazioni fumose cavilli giuridici con il sospetto sempre presente che dietro ad interventi impastati di retorica e distinguo si nascondano messaggi trasversali comprensibili solo agli addetti. Il mio disappunto comprende sia maggioranza sia opposizione. Possibile che un’opera importante e così condizionante per il futuro della città come il Water front non si pensi di presentarla alla città in convegni dove esporre un plastico, disegni, fare proiezioni multimediali? E i progettisti saranno certamente all’altezza di Renzo Piano ma chi sono costoro? Sfido poi qualsiasi cittadino a spiegare come sarà il parcheggio da 1200 posti auto previsto davanti alla ex stazione ferroviaria. E l’accesso al porto attraverserà la pista ciclabile con i pescatori che raggiungeranno le barche in bici? Via Roma sarà a senso unico con i filobus in Via Nino Bixio. Si vorrebbe vedere un piano organico che comprenda tutti questi interventi per poterli valutare e discutere, magari aggiungendo qualche timido suggerimento. L’opposizione non è da meno anzi, ascoltando gli interventi si ha l’impressione che a qualsiasi ordine del giorno debba seguire un ostruzionismo assoluto il più delle volte ottuso e anche qui comprensibile solo alla “casta”. Si ascoltano argomentazioni incredibili a giustificazione del voto contrario con profusione di ricorso alla coscienza, moralità, etica, buongoverno, valori,tutti sempre citati negli interventi, mai argomentazioni specifiche inerenti all’oggetto in discussione. Mai una controproposta alternativa che sia fattibile da confrontare. Se poi un’opera pubblica viene rinviata o addirittura cancellata “e chi se ne f…e?”. Nando Rimugi
Annunci

Informazioni su nandorimugi

Questo è un cassetto pieno di cianfrusaglie, alcune recenti, altre dimenticate da anni. Come nei mercatini dell' usato basta rovistare, qualche cosa da recuperare si trova sempre e a poco costo.

Pubblicato il 1 dicembre 2007, in Ragionamenti, Sanremo con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Nando Rimugi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: