I CANTIERI NAVALI DEL PORTO VECCHIO


Ci sono delle lettere alla Redazione che per il tono usato stimolano un irrefrenabile desiderio di controbattere. Mi riferisco alla accorata perorazione al Sindaco del signor Leonardo Bruni che nello scritto sembra un Don Chisciotte alla prese con mulini a vento visti con la fantasia come spaventosi giganti. Si parla dei cantieri navali del porto dipinti come una Cernobil in tono minore. Il Paladino della legalità sfodera micidiali condizionali: le pitture usate conterrebbero cianuri, quelle antivegetative tributilstagno proibito dal 2003 dall’Organizzazione marittima internazionale. La conclusione: rischio micidiale per la salute che corrono ignari turisti intenti a sorseggiare aperitivi nei bar antistanti. E gli operai che lavorano nei cantieri? Per loro neanche un cenno,chi se ne importa. Se la situazione fosse quella descritta verrebbero coinvolte USL, Ispettorato del Lavoro, Capitaneria e chissà quanti altri enti. Io da sanremasco ho sempre visto i cantieri e da bambino e anche più grande mi sono spesso fermato a vedere le barche in riparazione. Ho visto maestri d’ ascia ricostruire fasciame di pescherecci, addirittura costruire gozzi e mi piace fare colazione al bar con i lavoratori del porto che mi danno un senso di appartenenza. Pertanto fatta salva la salute dei cittadini e degli operatori dei cantieri, mi auguro di poter continuare a sentire quegli odori di salmastro tanto in odio a certi (turisti) e mi dispiacerebbe vedere un porto magari più in ordine (a parte il degrado dei baretti sia visti davanti che di dietro) ma trasformato in ricovero di barche come gli altri porti turistici che pullulano in Riviera. Riguardo ai mostri che incendiano macchine, minacciano e fanno pressioni politiche, sono solo mulini a vento. O ci siamo di colpo trasferiti qualche migliaio di chilometri più a sud?

Annunci

Informazioni su nandorimugi

Questo è un cassetto pieno di cianfrusaglie, alcune recenti, altre dimenticate da anni. Come nei mercatini dell' usato basta rovistare, qualche cosa da recuperare si trova sempre e a poco costo.

Pubblicato il 12 febbraio 2012, in politica meditata, Ragionamenti, Sanremo con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. Quando giunsi a metà bicchiere il signor Tolman disse:
    – Vi ho sentita… scusatemi, ma non sono riuscito a non ascoltarvi, vi ho sentita accennare a San Remo. Non ci sono mai stato. Sono stato a Nizza e a Montecarlo nel lontano 1931.. e qulcuno, non mi ricordo chi, mi ha detto che avrei dovuto vedere
    San Remo perché é più bella di qualsiasi altro posto in riviera, ma non ci sono andato. ora bé… posso facilmente crederci.
    Oh, sareste dovuto andare – era di nuovo un po’ rauca e la cosa mi fece piacere – le colline, le vigne, il mare….
    (chi non s’aspetta l’inaspettato non troverà la verità … allora Sanremo la stiamo cancellando oggi!)

    Mi piace

Nando Rimugi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: