SANREMO DISBOSCATA


e adesso c'è solo un prato

e adesso c’è solo un prato

Il   2012  anno horribilis per definizione non lo è stato da meno anche per le piante e i giardini di Sanremo. Si è infatti intensificato  il taglio sistematico di alberi ornamentali e  parimenti l’ insediamento che ormai può definirsi invasivo di palme di tutte le dimensioni. Corso degli Inglesi è la triste rappresentazioe di quello che era solo pochi decenni fa. Non si contano gli spazi vuoti lasciati dalle piante tagliate, ultima una maestosa quercia all’ imboco di Via Nuvoloni. In Via Nino Bixio basta contare i buchi vuoti lascsiati dove sono stati tagliati i pini.  Ne mancano ben 15, la maggior parte tagliati di recente e , caso strano, 7 uno di seguiito all’ altro proprio davanti agli uffici amministrativi del casinò ex uffici AMAIE. E’ stata tagliata una casuarina alta più di 25 metri che faceva bella mostra a lato della chiesa ortodossa dalla stazione ferroviaria, sostituita adesso da una incomprensibile  croce in legno.  Via Barabino, invece di ridisegnare i marciapiedi modificandone  il percorso pedonale si è preferito tagliare tutti i pini che facevano ala al viale. Risultato, una strada desolata da periferia urbana con brutti condomini ora in piena vista.  Villa Ormond, a confine con la pista  ciclabile, vi era una maestosa pianta di eucalipus dove avevano trovato dimora una colonia di pappagalli che erano uno spettacolo da guardare. Adesso dell’ eucaliptus è rimasto solo il ceppo tagliato a raso e fanno bella mostra di sè una fila di ben 25 nuove palme. Anche tutto quello che è colorato da fastidio, diversamente sarebbe inconcebibile sradicare un roseto che fa sa bordura ad un vialetto sempre a villa Ormond preferendo uniformare tutto in anonimo prato. L’ impressione che complessivamente se ne ricava è una manutenzione dei giardini  gestita non da giardinieri ma da boscaioli la cui massima libidine è quella di tagliare e abbattere. Per non parlare dell’ infestazione delle palme, sembra che il Comune di Sanremo ne abbia una scorta inesauribile perchè riesce ad infilarle in  ogni spazio disponibile. Se invece le compra mi piacerebbe sapere da  chi e quanto spende.

Annunci

Informazioni su nandorimugi

Questo è un cassetto pieno di cianfrusaglie, alcune recenti, altre dimenticate da anni. Come nei mercatini dell' usato basta rovistare, qualche cosa da recuperare si trova sempre e a poco costo.

Pubblicato il 22 dicembre 2012, in Sanremo, verde pubblico con tag , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Nando Rimugi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: