Archivi Blog

Contadinella con cesto di funghi (Lenci)


img_0234img_0255

AMORE PER LA NATURA


IMG_0090

L’ALTRA SANREMO


Opera di Giò Ponti

Opera di Giò Ponti

Sanremo non è solo festival,casinò e Italo Calvino, Ci cono anche delle chicche poco conosciute ma di grande valore storico e artistico. Una di queste è sicuramente il Monastero del Carmelo. Posto sulle alture di Sanremo spazia sull’intero golfo con una vista imperdibile. La costruzione, opera dell’Architetto Giò Ponti è di una pulizia e una bellezza da togliere  il fiato. Vedere per credere!

Leggi il resto di questa voce

aujourd’hui on scannerise


estate

estate

aujourd’hui on scannerise

Sicilia

Sicilia

sanremo 1962

sanremo 1962

intimità

intimità

aujourd'hui on scannerise

Ah Paris, Paris, Paris

Ah Paris, Paris, Paris

aujourd’hui on scannerise.

QUANDO A SANREMO VENIVANO I RICCHI

QUANDO A SANREMO VENIVANO I RICCHI

RECESSIONE

aujourd’hui on scannerise


aujourd’hui on scannerise


aujourd’hui on scannerise.

aujourd’hui on scannerise


aujourd'hui on scannerise.

C’era una volta la Mortola.


LA MORTOLA

LA MORTOLA

LA MORTOLA E’ ANCORA QUI’

C’era una volta la Mortola. Da ragazzi una gita fino alla Mortola per fare il bagno in una di quelle calette un po’ appartate che i “furesti” evitavano perché ritenute sporche e invece sono solo coperte da uno spesso strato di alghe era una di quella avventure che poi si raccontavano agli amici. Specialmente quando andava bene e c’era anche la ragazza a sdraiarsi sull’asciugamano bianco poggiato su un letto che era meglio di quelli di piuma. Per non parlare quando, con la scusa della grigliata sulla spiaggia, si riusciva a coinvolgere le compagne nel mitico “bain de minuit” che io ci ho perso il mio bel costume a quadrettini gialli e neri. In crisi di nostalgia ci sono ritornato. Proprio quella caletta dopo la prima galleria, subito sotto la punta del cannone e che si raggiunge attraversando il ponte sulla ferrovia.  Il posto visto da lontano è sempre uno dei più belli della Liguria. Una foresta di pini marittimi che scende fino a lambire un’acqua che pare di essere in Corsica. Da lontano. perché basta lasciare la strada asfaltata e si discende in una discarica a cielo aperto. Attraversato il ponte la pineta è in condizioni migliori ma popolata di inquietanti personaggi che incontri fermi sul sentiero o che spuntano da dietro un cespuglio e ti guardano in silenzio. Arrivato sulla spiaggetta, sempre stupenda, alcuni nudisti, tutti maschi. Dritti sulle alture come indiani vedette a controllare il territorio. E fin qui si poteva anche considerare colore locale ma poi sono arrivati i francesi. Mi sono trovato in un raduno di coppiette di omosessuali la cui disinvoltura era decisamente provocatoria. Ciliegina sulla torta, il mare che era un cristallo azzurro, pullulava di motoscafi e barche a motore. Un bestione stile ferro da stiro con lei in microslip e lui con pancia di ordinanza si è ormeggiato, pardon, ha parcheggiato a meno di venti metri dalla riva.

La domanda che sorge spontanea è: dobbiamo abbandonare il territorio ai francesi perché lo trasformino in un lupanare a cielo aperto e ai marinai di terra ferma che ci parcheggiano i loro natanti o lo ripuliamo e lo frequentiamo godendone le bellezze come una volta?

E le forze dell’ordine stanno a guardare.

A.I.

TRA I PLATANI E’ CORSA VOCE CHE VERRANNO ABBATTUTI E SOSTITUITI CON PALME


SCIE CHIMICHE A SANREMO?


Qualunque cosa siano deturpanoLettera al meteorologo
Saranno anche delle bufale ma caro Achille  segui  un momento questi fatti. Mercoledì 22 pomeriggio verso ore 16 cielo parzialmente coperto erano visibili  scie permanenti che  invece di dissolversi prendevano le caratteristiche di vere e proprie nuvole. Transitavano arerei che lasciavano queste scie che si intersecavano senza dissolversi ed altri con scie che sparivano  in pochi secondi.
Ieri, sabato e oggi domenica, cielo terso, non c’era una scia in cielo neanche per scommessa, gli aerei passavano  e questa  spariva immediatamente.
Ora le spiegazioni sono solo 3
1 Da ieri tutti gli aerei hanno cambiato carburante (poco probabile).
2 Alla quota tra i 7000 e i 12000 metri le condizioni meteo variano e possono determinare diversi comportamenti dei gas combusti di scarico. (e perché non a tutti gli aerei ?)
3 Ieri e oggi sul cielo di Sanremo non sono passati aerei che generano scie permanenti. (chi sono?)
La risposta al meteorologo

RITRATTO


 

IL MIO AMICO SILVIO

con il piccolo Renato

P0001896

residuato bellico?


BAGNABRAGHE


 Bordighera Punta Migliarese (spiaggia Bagnabraghe)
Un tratto di costa tra la galleria e il vecchio macello con ampi scogli digradanti alla sinistra e spiaggia ad arco con ciottoli. Mare molto pescoso perché secondo quanto si racconta i pesci erano attirati dal sangue e scarti delle bestie macellate buttati a mare. Detta Bagnabraghe perché punto d’imbarco per clandestini che in tempo di guerra cercavano rifugio in Francia. Zona appartata molto discreta con scogli dove era possibile sdraiarsi a prendere il sole. Ci sono andato spesso con asciugamano e panini a passare pomeriggi fino a quando la pelle poteva resistere perché era un posto riservato quasi intimo e piaceva alle ragazze.
Adesso ci stanno costruendo un complesso residenziale per ricchi. Si proprio sul mio scoglio segato e spianato! Mi ci vedo già sopra una bella camera da letto con pavimento in venghè o un cesso piastrellato bisazza. E purtroppo mi tocca ogni tanto passare di li. Purtroppo per chi sarà in quel letto o in quel cesso perché gli arriverà dritto dritto un accidente concentrato di tutti i ricordi che quella costruzione fa tornare alla memoria.
P0002414

Masino


Incredibiile! in Piemonte a Masino da anni il FAI organizza una mostra mercato di fiori e piante conosciuta in tutta italia. E' veramente bella e merita certamente il viaggio. Domanda … e allora? ….  Risposta Masino si trova in una zona dove piante da giardino e fiori non sono proprio a loro agio eppure riescono ad organizzare una mostra che di anno in anno diventa sempre più importante. Viene meso a disposizione pure un bus navetta dal parcheggio al parco tanta è l' affluenza di visitatori. Veniamo a Sanremo. Città dei Fiori.!  Forse  una volta.  Ora città delle serre abbandonate e dei terreni incolti . Roba da terzo mondo. E il mercato dei fiori in Valle Armea, cattedrale nel deserto . Quei quattro testardi che ancora si ostinano a coltivare sono un lamento unico ma pesta che si diano una mossa. D'altra parte tolti i meridionali che rimboccandosi le maniche e mangiando pane e cipolla si sono creati una posizione, gli indigeni cosa hnno fatto oltre che affittare i terreni e lavorare e rischiare il meno possibile? Non riusciamo a organizzare uno straccio di mostra pur avendone le possibilità e i mezzi. Villa Hormond è stataa per anni la cornice ideale di esposizioni di grande richimo e sicuramente suggestive ma pesta che qualche illuminato amministratore arrivi a pensare di organizzare una manifestazione  del genere senza farsi venire mal di testa.dallo sforzo. masino

Porto Sole


Porto-Solee questo era Porto Sole secondo le intenzioni del progettista – spazi vedi , piscine -negozi, un grande albergo. E' rimasto  solo un cartello abbandonato tra i rifiuti. L'albergo per ora è solo un bunker  di cemento armato e resterà tale chissà fino a quando 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: